Unexpected Landscape Color Diary

Unexpected Landscape

Diario a colori seconda parte

Quando ho cominciato a scattare a colori in digitale, la mia voglia di fotografia è tornata a quella eccitazione che si ha da bambino, quando hai tra le mani un nuovo giocattolo.

Il mondo che prima vedevo solo in bianco e nero, si apriva a nuovi orizzonti e idee, e proprio durante una passeggiata è nata questa idea fotografica. Ed è proprio per queste nuove scoperte, che ho iniziato a scrivere il mio diario a colori.

Vicino a dove abito c’è un luogo, il Monteferrato, un area protetta di grande valore naturalistica, che nonostante la vicinanza, non avevo mai preso in considerazione fotograficamente. Qui ha iniziato a prendere forma Unexpected Landscape.

Cos’è Unexpected landscape, un idea, un momento, un luogo inaspettato. Mi piace l’idea che un paesaggio che conosci, possa stupirti con qualcosa di nuovo.

Qualcosa che cambia la percezione di quel luogo, la luce, un particolare, un evento. Un cambiamento inaspettato di un posto, familiare o no.

Unexpected Landscape diario colori
Prima foto del progetto unexpected landscape

Perché ho scattato questa foto, alcuni alberi morti e un cielo blu, semplicemente perché quel luogo familiare, dove da piccolo andavo con il nonno e mia sorella a fare merenda, si apriva ai miei occhi in maniera diversa. Questi alberi morti che come scheletri si ergono ancora nella paesaggio, in questo luogo lunare, quasi a dire io non sono morto, sono qui a rammentarti che io c’ero, e ci sono ancora in maniera diversa.

Il colore delle rocce, tra il rosso e l’arancio e il poco verde, nella mia mente hanno creato un emozione, una visione su un paesaggio noto, ma insolito. Quel solito giorno scattai anche un altra fotografia, che mi ricorda un poco i disegni sumi-e ink.

Unexpected Landscape diario colori
Unexpected Landscape_Prato2020_idea di sumi-e ink

Ovviamente non è un vero sumi-e ink, ma mi piace questa idea, un controluce piuttosto pronunciato, che metteva in evidenza il movimento stesso degli alberi. Così come i puntini di luce delle nuvole, che quasi seguivano il disegno stesso della silhouette. Anche questo per me è un paesaggio inaspettato.

Ma non diventerà noioso

Questa è una cosa che mi sono domandato, non sarà noioso un paesaggio così monotono alla fine. Si penso di si, ma comunque questo luogo sarà ancora un posto da esplorare per nuove foto. Da unire poi a paesaggi inaspettati di altri luoghi. L’idea di ampliare il progetto mi è capitato una Domenica mattina, quando nei giardini vicino a me un piccolo incendio, mi ha dato un idea.

Giardino di Via Baracca incendio
Unexpected Landscape_Prato 2020

E’ stato amore a prima vista, ecco un paesaggio. Definire il paesaggio non è semplice, ma questo secondo me ne fa parte. Ogni giorno vedo questo albero, estate, inverno, e sinceramente è noioso. Ma quel giorno il luogo era mutato, era perfetto, quel singolo albero finalmente aveva un qualcosa di nuovo, inaspettato.

Il progetto è appena partito, e mi prenderà un poco di tempo per finirlo, ma mi piace l’idea di scoprire e riscoprire il paesaggio.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: